News

“Storie di Giardini” ora in tutte le librerie

Ci sono luoghi speciali, dove si concentrano attenzione e bellezze, destinati a lasciare un segno nella storia. Uno di essi è il Lago Maggiore. Questi luoghi si legano spesso a giardini che rappresentano, in piccoli spazi curati, esperienze collettive di sapere, pratiche e capacità manuali consolidate in secoli di storia, attraverso il contatto quotidiano con i materiali e con la terra. Molti piccoli interventi possono essere più rappresentativi di una grande opera.
Storie di giardini” raccoglie alcuni di questi interventi progettati da Paolo Villa sul Lago Maggiore.
Il libro è un’idea che Paolo accarezzava da qualche tempo, prima della sua prematura scomparsa.
Il suo socio Emanuele Bortolotti e il team dello studio da loro fondato trent’anni fa, AG&P greenscape, hanno deciso di realizzare il suo desiderio con l’importante contributo di Zacchera Hotels.
Nelle pagine del volume sono raccolte l’essenza e la ricchezza dell’opera di Paolo, attraverso l’illustrazione di una serie di realizzazioni alle quali teneva particolarmente.
I lavori documentati in questo libro mostrano con chiarezza la metodologia, il livello di approfondimento e la ricchezza formale dei progetti da lui realizzati, che hanno permesso di valorizzare e trasformare i giardini del gruppo Zacchera Hotels e alcuni giardini privati della stessa famiglia.
Insieme ai testi e alle fotografie, ci sono anche i disegni dei suoi amati taccuini che mostrano quanta passione, creatività e sapere, Paolo Villa metteva nei suoi progetti.
Natura e paesaggio sono due cose molto diverse, diceva. Con gesti gentili addomesticava l’una per dare forma all’altro, in quel rapporto equilibrato di reciproco rispetto e scambio di risorse e che oggi, sempre di più, l’uomo dovrebbe avere con l’ambiente che lo circonda.

I giardini degli hotel Zacchera saranno visitabili 2/3 volte l’anno, in giornate programmate di apertura con guida specializzata, in collaborazione con lo studio

Il libro è acquistabile in tutte le librerie oppure online a questo link

Scarica qui il comunicato stampa

 

Le foto del libro sono di Dario Fusaro