Progetti

Monte Rosa 91

Il concept del progetto di riqualificazione paesaggistica del “Parco della Luce” di Monte Rosa 91 si incentra sulla riconnessione dei corridoi ecologici cittadini, tramite la valorizzazione del patrimonio verde esistente e l’introduzione di nuovi elementi naturali per aumentarne la biodiversità.

Entrando nell’edificio da via Monte Rosa, l’occhio viene subito attirato verso l’ambiente esterno, dove si intravede la luce, la vegetazione, gli alberi e si sente l’aria. Uscendo nella piazza e proseguendo verso la collina, l’elemento vegetale aumenta in un’immersione graduale che porta il visitatore a vivere il cuore del Bosco, passando dalle forme geometriche della città a quelle morbide degli alberi.

Il nuovo assetto delle aree esterne che compongono il cuore pulsante di natura del complesso terziario forse più grande di Milano, ne rappresenta il vero elemento innovativo. La grande corte e il bosco, che un tempo sovrastava l’auditorium e ora si fonde con il nuovo corpo uffici, sono diventati il trait d’union fra il complesso e la città e allo stesso tempo per un’operazione di welfare aziendale di grande impatto.

La corte, contornata dalle alberature rivalorizzate e da nuovi alberi, si pone come suggestivo spazio eventi, mentre l’area verde a bosco di circa un ettaro, interamente recuperata e dotata di passerelle, pedane come isole fresche sospese in mezzo alla vegetazione e da fantastiche sculture di luce tra le fronde, diviene il più bello spazio che si possa immaginare in un contesto urbano per il relax; una pausa dal lavoro di tranquilla contemplazione, ma anche per la socializzazione; un omaggio inaspettato per tutte le persone che lavorano nel complesso o che accedono alla struttura.

Sotto le chiome di Querce, Liquidambar e Carpini è stato creato un ricco sottobosco naturale adatto alla luce filtrata dagli alberi utilizzando essenze da mezza ombra a formare ampie distese che si spingono fin sotto alle strutture sospese, accompagnando le passeggiate dei visitatori. L’effetto che si è voluto ottenere è quello di un paesaggio di forte impronta naturalistica che concede poco allo schema ornamentale e giardinistico, ma proprio per questo risulta ancora più affascinante e inusuale nel contesto urbano. I bordi, pensati per mascherare la vista della città, sono costituiti da macchie di Osmanthus, Viburni, Aruncus, accompagnati da inserti di Camelie e Ortensie.

Al centro, ad accompagnare le passerelle e le pedane, le distese di tappeti verdi che si compenetrano l’uno con l’altro, composte da Felci, Aglio orsino, Asparagus, Astilbe, Liriope ed edera. Nelle zone di radura più luminosa e soleggiata spuntano piante di Chenomeles, Raphiolepis, Choisia e Abelia, mentre sul tetto compaiono Nepeta, Verbena, Perowskia e Gaura. Uno spettacolo unico nel suo genere ancora più suggestivo nelle ore serali grazie agli effetti luminosi, rispettosi del contesto naturale e sapientemente dosati, che accompagnano questo scenario da “mille e una notte”.

Clicca qui per andare al sito del campus aziendale.

 

 

Dettagli Progetto

Luogo Milano - IT
Anno 2020 - 2024
Sup. m² 10.000 ca.
Cliente AXA Investment Managers
Fase Progetto BIM / DLV
Landscape Design AG&P greenscape
Landscape Team
Progetto architettonico RPBW - Renzo Piano Building Workshop
Team Studio Ceruti, J&A Consultants, JLL, CBRE
Render ©